carie su molare

Carie

Cos’è la carie? La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente. Se il processo erosivo non viene trattato, l’infezione assume un andamento ingravescente. Come si previene la carie e come si cura.

Tabella dei Contenuti

Cos’è la carie?

La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente: lo smalto e la dentina.

L’infezione inizia sulla superficie del dente e procede poi verso l’interno fino a raggiungere la polpa dentale, provocando dolore e infiammazione

Quando le lesioni patologiche interessano i tessuti duri del dente si procede con l’odontoiatria conservativa.

Perchè i denti si cariano?

Le cause alla base della carie sono complesse e solo in parte note. Notevole rilevanza hanno fattori esogeni, ovvero esterni all’organismo, come:

fattori microbiciquando non vengono contrastati da una sistematica igiene della bocca favoriscono il deposito della placca dentale
fattori alimentarieccessivo consumo di cibi e bevande zuccherate – scarso apporto di fluoro
tabagismo

e fattori endogeni, ovvero interni all’organismo, come:

fattori costituzionaliinsufficiente resistenza strutturale del dente
salivazioneriduzione della salivazione

Il processo che favorisce lo sviluppo della carie inizia con l’azione dei batteri prodotti dai residui di cibo

I batteri fermentano e iniziano a produrre acidi: insieme alle particelle di cibo e alla saliva formano la placca dentale, una sorta di pellicola che ricopre i denti.

Gli acidi della placca erodono gradualmente la parte più esterna del dente, lo smalto, provocando piccoli fori (carie di primo grado). Questa è la fase in cui è più semplice e meno invasivo il trattamento della patologia cariosa. Diversamente, quando il processo erosivo non viene trattato, l’infezione assume un andamento ingravescente.

Carie di primo grado

Gli acidi della placca erodono gradualmente la parte più esterna del dente, lo smalto, provocando piccoli fori. Questa è la fase in cui è più semplice e meno invasivo il trattamento della patologia cariosa: se il processo erosivo non viene trattato, l’infezione assume un andamento ingravescente

Carie di secondo grado

Attraverso i piccoli fori formatisi i batteri e gli acidi possono raggiungere lo strato successivo del dente, la dentina, più morbido e meno resistente dello smalto

Carie di terzo grado

I batteri e gli acidi continuano quindi la loro marcia fino alla polpa, la parte del dente che contiene i nervi e i vasi sanguigni

Carie di quarto grado

L’infezione può andare ancora più in profondità, e arrivare a compromettere le strutture profonde del dente, fino all’osso

Perchè la carie fa male?

Di per sé, la carie non provoca dolore poiché, nel primo stadio, essa è completamente asintomatica.

La carie, tuttavia, esponendo progressivamente i tessuti duri ovvero smalto e dentina, e molli ovvero la polpa, provoca una sensibilità via via crescente a sbalzi di temperatura, zucchero e sale.

Il primo segnale che il nostro corpo ci invia è il cambiamento di colore nello smalto che perde la sua naturale lucentezza diventando più opaco.

Nel momento in cui la carie arriva a colpire la dentina, si nota chiaramente un solco scuro, contenente un ristagno di materiale imputridito di cibo e tessuti dentali disgregati.

Quando il paziente inizia ad accusare mal di denti significa che il processo cariogeno si è spinto in profondità, fino alla polpa dentale

Man mano che la carie evolve, inabissandosi nella polpa dentale, il quadro clinico del paziente tende a precipitare. In simili circostanze, la carie provoca i caratteristici sintomi della patologia:

  • Alito cattivo
  • Ipersensibilità a caldo, freddo, dolce, salato ed acido
  • Dolore al dente che s’irradia nei tessuti circostanti

Una visita da un dentista può confermare la diagnosi, attraverso un’analisi visiva e, successivamente, un esame radiografico essenziale per individuare con precisione posizione e intensità della carie.

Come si cura la carie?

Una volta diagnosticata la presenza di una o più carie e, valutata la situazione, si procede con la terapia conservativa. In cosa consiste?

Il primo step consiste nella pulizia della cavità del dente colpito dalla carie e la successiva disinfezione.

Successivamente, si procede all’asportazione del tessuto malato, la cui quantità varia a seconda della condizione del dente.

È importantissimo rimuovere il solo tessuto cariato e sostituirlo con un materiale di restauro, che viene legato direttamente sul tessuto sano. L’odontoiatria conservativa moderna ha ormai abbandonato l’amalgama di argento a favore di compositi materiali estetici e si basa sul concetto di minima invasività.

Si fa otturazione o ricostruzione diretta quando la parte di dente non è eccessivamente estesa e non ha distrutto completamente le parti del dente

carie - ricostruzione indiretta con intarsio

Nel caso di lesioni cariose particolarmente estese con grande perdita di sostanza dentale, ci si può avvalere degli intarsi o ricostruzioni indirette

In questo caso il dentista, dopo aver rimosso la carie dal dente ed aver preparato la cavità, prende un’impronta di precisione e la invia al laboratorio odontotecnico, che provvederà a sviluppare e modellare un manufatto su misura in resina o ceramica, che verrà cementato dal dentista in una seduta successiva, con una notevole resa estetica.

Come si previene

La prevenzione è fondamentale per prevenire l’insorgenza della carie

Come si previene la carie? Di seguito alcuni consigli per prevenire la carie:

  • Spazzolare i denti dopo ogni pasto, almeno due volte al giorno. Buona norma è avvalersi anche dell’uso del collutorio e del filo interdentale
  • Effettuare periodiche visite dal dentista per prevenire eventuali problemi o riconoscerli in anticipo
  • Considerare la possibilità, in caso di alta cariorecettività, di impiegare sigillanti dentali, ovvero vernici protettive che vengono applicate sulla superficie masticatoria dei denti posteriori chiudendo le scanalature e le fessure che tendono a raccogliere residui di cibo. Possono essere utilizzate sia nei bambini che negli adulti
  • Evitare cibi che rimangono facilmente bloccati nei solchi dentali e tra dente e dente per lunghi periodi, come caramelle o biscotti
  • Evitare il consumo di cibi e bevande zuccherati (leggi anche Bambini le bevande giuste per denti sani)
piramide odonto-alimentare
piramide odonto-alimentare

Come da indicazioni del Ministero della Salute sulla prevenzione delle patologie dentali è importante sottoporsi regolarmente a visite periodiche dal proprio dentista/odontoiatra di fiducia per identificare e poter curare, sin dalle prime fasi, eventuali processi patologici a carico dei denti e delle gengive.

Altresì importanti ed opportune sono le sedute d’igiene dentale professionale per la rimozione del tartaro che si forma nelle zone dove è più difficile la pulizia domiciliare e maggiore il ristagno di saliva.

Vuoi condividere questo articolo? Share it! >>

Facebook
Twitter
LinkedIn

Leggi i nostri articoli

I nostri orari

lunedi

9:00/13:00  –  14:00/19:00

martedi

chiuso

mercoledi

9:00/13:00  –  14:00/19:00

giovedi

9:00/13:00  –  14:00/19:00

venerdi

9:00/13:00  –  14:00/19:00

sabato

9:00/12:30

Inviaci la tua richiesta

Per qualsiasi informazione o per richiedere un appuntamento compila il form sottostante. Ti risponderemo prima possibile